PON Da rifiuto a risorsa

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

2° CIRCOLO DIDATTICO “F. Giampaglia”

Ercolano (NA)

e-mail: info@2circoloercolano.it

 

 

Anno scolastico 2007/2008

 

 

PON : Da rifiuto a risorsa…

 

 

 

Attività Proposte

 

- Compostaggio

- Separazione dei rifiuti e riciclaggio

- Piano di rifiuti nella scuola Produrre la carta riciclata

- La spesa ecologica

- Quale merenda durante la pausa?

- Visite guidate

 

  • Compostaggio

 

Descrizione:

Il compostaggio, metodo semplice e naturale per il riciclaggio di rifiuti organici, rappresenta il cuore del progetto.

Sia i rifiuti prodotti durante la pausa che i rifiuti di cucina portati dai ragazzi da casa vengono trasformati, nel corso dell’anno, in terriccio fertile e ricco di minerali.

 

Obiettivo dell’insegnamento:

Comprendere le fasi del ciclo biologico mediante un apprendimento pratico.

 

Unità didattiche:

4 unità didattiche + monitoraggio durante il corso

 

Esperienze pratiche:

Gli alunni danno vita al centro di compostaggio e lo gestiscono come primi responsabili durante più attività didattiche.

 

Materiali: Compostiera, teca di vetro per monitoraggio compost,

 

Punti chiave:

- Perché praticare il compostaggio?

- Cosa può essere avviato al compostaggio?

-  I metodi di compostaggio

- Gli organismi nel compost e nel terreno

 

  • Separazione dei rifiuti e riciclaggio

 

Obiettivi didattici e descrizione:

La separazione dei rifiuti, come parte integrante di una moderna gestione dei rifiuti, viene spiegata agli scolari in un modo facilmente comprensibile. Dopo aver fornito alcune informazioni base sulla composizione dei rifiuti e sulle differenti vie di smaltimento, vengono illustrate le modalità di recupero di alcune componenti dei rifiuti.

 

Unità didattiche:

Dalle 4 alle 5 unità didattiche

 

Materiale informativo:

Video e proiezioni sulla separazione dei rifiuti e sulle strutture di raccolta differenziata esistenti.

 

Esperienze pratiche:

Differenziazione dei rifiuti in classe, giocare e costruire con i rifiuti.

 

Punti chiave:

- Introduzione: definizione del termine, la qualità dei rifiuti, la composizione dei rifiuti

- Perché i rifiuti ci stanno sommergendo?

- Il ciclo dei rifiuti

- Strategie per un trattamento ecologico dei diversi materiali

- La strada per il futuro, le risorse alternative

 

 

  • Piano dei rifiuti nella scuola

 

Descrizione:

Gli scolari rilevano, nella propria scuola, una serie di dati attinenti i rifiuti prodotti. Attraverso misure concrete viene insegnato loro come impegnarsi attivamente nella tutela dell’ambiente.

 

Obiettivi dell’insegnamento:

Introdurre e migliorare nel proprio ambito la prevenzione e la differenziazione dei rifiuti.

Unità didattiche:

dalle 4 alle 6

 

Esperienze pratiche:

Individuazione dei rifiuti prodotti dalla scuola.

Costruzione di contenitori per la raccolta differenziata.

 

  • Produrre la carta riciclata

 

Descrizione:

Gli alunni imparano a produrre artigianalmente la carta.

 

Obiettivi dell’insegnamento:

Gli alunni apprendono le fasi del riciclaggio con la loro partecipazione attiva. Si rendono conto che per la produzione di carta riciclata non sono necessarie materie prime e che in questo processo viene utilizzata una minor quantità di acqua ed energia rispetto alla produzione di carta bianca di prima qualità. Dalle lezioni gli scolari escono fortemente motivati a praticare maggiormente la raccolta

differenziata della carta.

 

Esperienze pratiche:

Praticare attivamente il riciclaggio! Seguire tutte le fasi della produzione della carta: preparare la materia base — essiccare — pressare — asciugare - incollare e lisciare.

Imparare a produrre i materiali di lavoro necessari (forma e setaccio).

 

Unità didattiche:

Dalle 3 alle 5

 

Materiale informativo:

Cartelloni con la descrizione del processo di lavoro, opuscolo sulla carta.

 

Lista materiali:

Carta usata (proveniente dalla raccolta differenziata), cornice di legno e retina di metallo (sia fine che grezza), contenitore per preparare la massa cartacea, Mixer da cucina, alcuni contenitori grandi. Altri utensili: spezie, petali ecc.

Ognuno può portarsi a casa la cornice che ha fatto.

 

  • La spesa ecologica

 

Descrizione:

Fare la spesa per una gita o per la festa di compleanno e confrontare successivamente spesa ecologica/non ecologica.

Questo modulo rappresenta la continuazione delle lezioni che hanno per oggetto il confronto tra diversi tipi di imballaggi per le bibite.

Obiettivi dell’ insegnamento:

Convincere gli alunni ad un acquisto ecologico dei prodotti e prepararli a riconoscere da soli quali prodotti imballaggi sono ecologici.

 

Unità didattiche:

Dalle 3 alle 4

 

Materiale informativo:

Lista della spesa, cartellone dei marchi dei prodotti.

 

  • Quale merenda durante la pausa?

 

Descrizione:

Valutando dal punto di vista ecologico origine e tipologia dell’imballaggio vengono effettuate una serie di considerazioni.

 

Obiettivi dell’ insegnamento:

Valutazione critica di imballaggi ed alimenti.

 

Unità didattiche:

1 o 2

Per una settimana viene registrata sia la provenienza che la tipologia degli imballaggi, quantificandola e valutandola.

Nella settimana gli alunni ottengono informazioni generali sul tema. Infine i valori della seconda settimana organizzare una festicciola finale che comprende a preparazione di un buffet ‘ecologico.

 

Materiale informativo:

Tabella di valutazione, diversi fogli di lavoro, opuscolo

“Sano grazie ad un’alimentazione corretta”, cartellone con i marchi dei prodotti.

Esperienze pratiche:

La classe può preparare, per un certo periodo, le merende “sane” per tutta la scuola e tenere i piccoli guadagni ottenuti.

 

Visite guidate

Descrizione:

Società “Di Gennaro” zona ASI Galvano Sito di vagliatura di materiali provenienti dalla raccolta differenziata. Sorgente dell'Olivella.

 Il docente Tutor Antonietta Borriello

 


Allegati

Non sono presenti allegati in questa pagina

Contatti