INVALSI

Anno scolastico 2016-2017

Analisi della restituzione dei risultati relativi alle prove Invalsi di italiano e matematica .

 

Il 03 maggio e il 05 maggio del 2017 ha avuto luogo nella scuola primaria “F. Giampaglia” di Ercolano (Na) la rilevazione degli apprendimenti in Italiano e Matematica degli alunni nelle classi seconde e quinte mediante una prova esterna standardizzata a cura dell’ INVALSI.

 

Per tutte le 4 classi II della scuola primaria sono stati predisposti tre strumenti di rilevazione:

 

  1. la prova preliminare di lettura;
  2. la prova di Italiano;
  3. la prova di Matematica.

 

Per le 5 classi di V primaria sono stati sottoposti agli allievi tre strumenti di rilevazione:

 

  1. la prova di Italiano;
  2. la prova di Matematica;
  3. il questionario studente.

Le prove di tutte le classi erano prevalentemente composte da quesiti, semplici (una sola domanda) o complessi (più domande collegate a uno stesso stimolo), a risposta chiusa ma alcune domande erano aperte a risposta breve univoca.

 

Nella seguente presentazione sono stati semplificati e ridotti i dati, estrapolando quelli essenziali.

 

I tempi dati sono i seguenti:

  • Prova preliminare di lettura 2 minuti
  • Prova di italiano 45 minuti

 

Il raffronto è fatto tra i risultati ottenuti dal nostro Istituto e la media di quelli della Campania, del Sud Italia e dell’intero territorio nazionale.

 

Possiamo in questo modo agevolmente vedere come ci collochiamo sia dell’ambito regionale, sia in quello più ampio del Sud Italia, sia in quello nazionale.

 

 

Prospetto riassuntivo delle prove di Italiano riferito alle classi II

 

Punteggi generali

 

Istituto

Media del punteggio percentuale al netto del cheating

Punteggio Campania

Punteggio Sud

Punteggio Italia

Cheating

NAEE133007

47,2%

40,4%

40,9%

41,8%

24,9%

 

Prova preliminare di lettura

Istituto

Punteggio Istituto

Punteggio Campania

Punteggio Sud

Punteggio Italia

NAEE133007

97,2%

     85,0%

    85,0%

     80,6%

 

Parti della prova

Testo narrativo

Esercizi linguistici

Prova complessiva

Punteggio d’Istituto 46,1%

Punteggio d’Istituto

56,4 %

Punteggio d’Istituto

47,2%

Punteggio Italia

42,6%

Punteggio Italia

34,8%

Punteggio Italia

41,8%

 

Distribuzione degli studenti per livello di apprendimento

 

Dettaglio territoriale

Numero studenti livello 1

Numero studenti livello 2

Numero studenti livello 3

Numero studenti livello 4

Numero studenti livello 5

Istituto

33,3%

3,9%

10,3%

15,4%

37,2%

Campania

38,1%

18,3%

6,1%

6,5%

31,0%

Sud

35,7%

18,5%

7,1%

7,1%

31,7%

Italia

33,5%

18,5%

7,7%

7,1%

33,3%

 

 

Nelle classi di 2^ la prova di Italiano è stata fatta precedere da una prova preliminare di velocità di lettura, comprendente 40 quesiti, ciascuno dei quali formato da una parola scritta seguita da una serie di quattro figure, tra tempo per leggere le 40 parole e scegliere la figura corrispondente è stato previsto in due minuti, tempo necessario per svolgere la prova a un bambino di seconda elementare in grado di leggere scorrevolmente . Lo scopo di tale prova, che non prevedeva l’assegnazione di alcun punteggio, era di verificare quale percentuale di alunni non avesse ancora raggiunto un sufficiente grado di automatismo nella decodifica di parole scritte, misurata dal numero di parole lette nel tempo assegnato. Tale capacità strumentale di lettura nella nostra scuola, con il 97,2%, è risultata molto elevata.

Il  nostro Istituto con il 47,2% si colloca significativamente al di sopra della media nazionale ,della Campania e del Sud.

Anche l’analisi delle parti della prova, conferma punteggi significativamente superiori alla media nazionale.

Il confronto del numero degli alunni per livello di apprendimento mostra esiti positivi rispetto alle percentuali nazionali della Campania e del Sud nei livelli 1-3-5, nel livello 2 si colloca notevolmente al disotto dei parametri di comparazione e nel livello 4 al di sopra delle percentuali nazionali, della Campania e del Sud.

 

Prospetto riassuntivo delle prove di Matematica riferito alle classi II

 

Punteggi generali

 

Istituto

Media del punteggio percentuale al netto del cheating

Punteggio Campania

Punteggio Sud

Punteggio Italia

Cheating

NAEE133007

64,7%

50,9%

50,9%

52,4%

6,9%

 

Ambiti

 

Numeri

Dati e previsioni

Spazio e figure

Prova complessiva

Punteggio d’Istituto

64,5%

Punteggio d’Istituto

65,4%

Punteggio d’Istituto

64,6%

Punteggio d’Istituto

64,7%

Punteggio Italia

50,4%

Punteggio Italia

48,4%

Punteggio Italia

58,6%

Punteggio Italia

52,4

 

 

 

Dimensioni

Conoscere

Risolvere problemi 

Argomentare 

Prova complessiva

Punteggio d’Istituto

64,6%

Punteggio d’Istituto

63,1%

Punteggio d’Istituto

72,3%

Punteggio d’Istituto

64,7%

Punteggio Italia

52,8%

Punteggio Italia

51,2%

Punteggio Italia

53,7%

Punteggio Italia

52,4%

 

Distribuzione degli studenti per livello di apprendimento

 

Dettaglio territoriale

Numero studenti livello 1

Numero studenti livello 2

Numero studenti livello 3

Numero studenti livello 4

Numero studenti livello 5

Istituto

6,9%

6,9%

13,7%

20,6%

52,1%

Campania

30,0%

16,5%

16,9%

10,0%

26,6%

Sud

29,5%

17,0%

17,3%

10,0%

26,2%

Italia

26,2%

17,3%

16,9%

10,5%

28,4%

 

Per il primo ciclo di istruzione si fa riferimento al D.M. 16 novembre 2011, n. 254 – “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione”, tenendo presenti i quadri di riferimento delle indagini comparative internazionali sulla comprensione della lettura (IEA PIRLS e PISA). I domini di competenza di Matematica sono stati mutuati dalla ricerca internazionale IEA-TIMSS. Essi sono due: dominio dei contenuti e dominio cognitivo. I contenuti sono suddivisi in quattro aree:

 

Numeri; Spazio e Figure; Misure, Dati e Previsioni; Relazioni e funzioni. Quest’ultima area non è oggetto di valutazione nella classe seconda primaria, dove la prova si limita solo alle prime tre.

Per il dominio cognitivo si sono considerate le seguenti capacità:

  • conoscere e padroneggiare i contenuti specifici della matematica
  • conoscere e padroneggiare algoritmi e procedure

 

  • conoscere e padroneggiare diverse forme di rappresentazione e sapere passare da una all'altra

 

  • sapere risolvere problemi utilizzando gli strumenti della matematica

 

  • sapere riconoscere in contesti diversi il carattere misurabile di oggetti e fenomeni e saper utilizzare strumenti di misura

 

  • acquisire progressivamente forme tipiche del pensiero matematico

 

  • utilizzare la matematica appresa per il trattamento quantitativo dell'informazione in ambito scientifico, tecnologico, economico e sociale

 

Nelle prove di Matematica sono state utilizzate varie tipologie di domande e item, pur essendo prevalenti, come per Italiano, i quesiti a scelta multipla con quattro alternative di risposta (ridotte a tre in II primaria).

 

Il tempo concesso per lo svolgimento della prova è stato di 45 minuti.

Il nostro Istituto con il 64,7% si colloca al di sopra della media nazionale, alla Campania e del Sud.

Anche l’analisi delle parti della prova e dimensione confermano punteggi significativamente superiori alla media nazionale in riferimento a tutte le parti analizzate.

Il confronto del numero degli alunni per livello di apprendimento mostra notevole differenza al di sotto della percentuale dei parametri di riferimento della Nazione ,della Campania e del Sud nei livelli 1- 2; è notevole la differenza della percentuale nel livello 1 e nel livello 5.

Dall’ analisi comparata dei dati relativi alle 4 classi si evince significativa incidenza della variabilità degli esiti tra le classi e una buona variabilità dentro le classi, come da grafico pubblicato sulla piattaforma INVALSI.

Per quanto riguarda la correlazione tra risultati nelle prove Invalsi e voto di classe, il nostro Istituto mostra una congruenza  medio- bassa in 2 classi, per cui la valutazione docente risulta più o meno in linea con il risultato conseguito nelle prove, mentre risulta scarsamente significativa nelle altre due classi.

 

Prospetto riassuntivo delle prove di Italiano riferito alle classi V

 

Punteggi generali

Media del punteggio al netto del cheating

Differenza nei risultati rispetto a scuole e con background familiare 

Background mediano degli studenti

Punteggio Campania

Punteggio Sud

Punteggio Italia

Cheating

53,8%

2,8%

basso

52,3%

52,9%

55,8%

21,7%

               

 

Parti della prova

Testo narrativo

Testo espositivo

Riflessioni sulla lingua

Prova complessiva

Punteggio d’Istituto

   55,5%

Punteggio d’Istituto 43,8

Punteggio d’Istituto

61,7%

Punteggio d’Istituto

53,8%

Punteggio Italia 63,9%

Punteggio Italia

43,1%

Punteggio Italia

55,3%

Punteggio Italia

55,8%

 

Distribuzione degli studenti per livello di apprendimento

 

Dettaglio territoriale

Numero studenti livello 1

Numero studenti livello 2

Numero studenti livello 3

Numero studenti livello 4

Numero studenti livello 5

Istituto

23,2%

25,3%

21,1%

11,6%

19,0%

Campania

32,9%

15,8%

13,1%

15,7%

22,6%

Sud

31,8%

15,6%

14,0%

16,2%

22,5%

Italia

26,6%

15,7%

13,1%

17,7%

26,9%

 

 

 

 

Nelle classi V, in base alle indicazioni del quadro di riferimento, la prova di italiano è stata strutturata in tre sezioni: 1) comprensione della lettura di un testo di tipo narrativo; 2) comprensione della lettura di un testo a carattere espositivo; 3) conoscenze e competenze grammaticali.

 

La parte della prova relativa alle conoscenze grammaticali era costituita in V primaria da domande di ortografia, morfologia e sintassi. La durata della prova era prevista in un’ora. Nelle prove di tutte le classi sono state utilizzate varie tipologie di domanda, ma con una netta prevalenza delle domande a scelta multipla, con quattro alternative di risposta.

Il tempo concesso per lo svolgimento della prova è stato di 75 minuti.

Il nostro Istituto con il 53,8% non si discosta in modo statisticamente significativo dalla media nazionale , della Campania e del Sud e si colloca al di sotto della media Nazionale.

L’analisi delle parti della prova ci confermano un esito negativo, al di sotto della media per quanto riguarda il testo narrativo mentre per il testo espositivo parimenti alla media nazionale e per la riflessione linguistica ,se pur di poco, al di sopra della media nazionale.

Il confronto del numero degli alunni per livello di apprendimento mostra esiti positivi nei livelli 4 e 5, ma considerevole differenza della percentuale nei livelli 1-2-3.

Dall’analisi comparata dei dati relativi alle 5 classi si evince una notevole variabilità tra le classi e una buona variabilità dentro le classi, come da grafico pubblicato sulla piattaforma INVALSI.

Per quanto riguarda il grado di correlazione tra risultati nelle prove Invalsi e voto di classe, il nostro Istituto mostra una congruenza significativamente medio-bassa per 2 classi , media per  1 e scarsamente significativa per 2 classi.

 

Prospetto riassuntivo delle prove di Matematica riferito alle classi V

 

Punteggi generali

Media del punteggio al netto del cheating

Differenza nei risultati rispetto a scuole e con background familiare 

Background mediano degli studenti

Punteggio Campania

Punteggio Sud

Punteggio Italia

Cheating

61,1%

8,8%

basso

52,8%

52,3%

53,9%

9,8%

 

Ambiti

Numeri

Dati e previsioni

Spazio e figure

Prova complessiva

Punteggio d’Istituto

66,8%

Punteggio d’Istituto

59,7%

Punteggio d’Istituto

61,7%

Punteggio d’Istituto

56,3%

Punteggio Italia

55,0%

Punteggio Italia

62,7%

Punteggio Italia

52,6%

Punteggio Italia

45,2%

 

Dimensioni

Conoscere

Risolvere problemi 

Argomentare 

Prova complessiva

Punteggio d’Istituto

64,6%

Punteggio d’Istituto

58,2%

Punteggio d’Istituto

56,7%

Punteggio d’Istituto

61,1%

Punteggio Italia

53,9%

Punteggio Italia

53,8%

Punteggio Italia

54,9%

Punteggio Italia

53,9%

 

 

 

Distribuzione degli studenti per livello di apprendimento

 

Dettaglio territoriale

Numero studenti livello 1

Numero studenti livello 2

Numero studenti livello 3

Numero studenti livello 4

Numero studenti livello 5

Istituto

2,2%

14,1%

23,9%

28,3%

31,5%

Campania

28,8%

15,8%

15,6%

13,2%

26,6%

Sud

29,7%

16,1%

16,2%

12,5%

25,5%

Italia

26,3%

16,5%

17,3%

12,9%

27,0%

 

Per il primo ciclo di istruzione si fa riferimento al D.M. 16 novembre 2011, n. 254 – “Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione”, tenendo presenti i quadri di riferimento delle indagini comparative internazionali sulla comprensione della lettura (IEA PIRLS e PISA). I domini di competenza di Matematica sono stati mutuati dalla ricerca internazionale IEA-

 

TIMSS. Essi sono due: dominio dei contenuti e dominio cognitivo. I contenuti sono suddivisi in quattro aree:

 

Numeri; Spazio e Figure; Misure, Dati e Previsioni; Relazioni e funzioni.

Per il dominio cognitivo si sono considerate le seguenti capacità:

  • conoscere e padroneggiare i contenuti specifici della matematica
  • conoscere e padroneggiare algoritmi e procedure

 

  • conoscere e padroneggiare diverse forme di rappresentazione e sapere passare da una all'altra

 

  • sapere risolvere problemi utilizzando gli strumenti della matematica

 

  • sapere riconoscere in contesti diversi il carattere misurabile di oggetti e fenomeni e saper utilizzare strumenti di misura

 

  • acquisire progressivamente forme tipiche del pensiero matematico

 

  • utilizzare la matematica appresa per il trattamento quantitativo dell'informazione in ambito scientifico, tecnologico, economico e sociale

 

Nelle prove di Matematica sono state utilizzate varie tipologie di domande e item, pur essendo prevalenti, come per Italiano, i quesiti a scelta multipla con quattro alternative di risposta. Il tempo concesso per lo svolgimento della prova è stato di 75 minuti.

 

Il nostro Istituto con il 61,1% si colloca in posizione superiore rispetto alla media nazionale, a quella regionale e del Sud Italia.

 

L’analisi degli ambiti e dimensioni della prova, confermano punteggi superiori alla media nazionale in riferimento a tutte la parti analizzate.

Il confronto del numero degli alunni per livello di apprendimento mostra esiti alquanto positivi  rispetto alle percentuali nazionali, della Campania e del  Sud nel livello 1-2-5 mentre nel livello 4 è leggermente al di sopra dei parametri nazionali, della Campania e del Sud, è notevole la differenza della percentuale nel livello 4 che risulta molto al di sopra dei parametri di riferimento.

 

Dall’analisi comparata dei dati relativi alle 5 classi si evince una buona variabilità tra le classi e dentro le classi come da grafico pubblicato su piattaforma INVALSI.

Anche la correlazione tra i risultati nella prova invalsi e il voto di classe mostra una congruenza  medio-bassa per tutte le classi ad eccezione di 1 classe che risulta essere scarsamente significativa.

 

 

Andamento negli ultimi anni scolastici

 

 

A.S.

Media del punteggio al netto del cheating

Diff. nei risultati rispetto a scuole  con background familiare simile

Background mediano degli studenti

Punteggio Campania

Punteggio Sud

Punteggio Italia

Cheating

2012-2013

64,8%

-2,3%

basso

 

 

 

0,6%

2013-2014

60,9%

+3,6

basso

 

 

 

6,8%

2014-2015

62,6%

+8,3%

basso

 

 

 

14,0%

2015-2016

64,9%

+6,6%

basso

 

 

 

1,5%

2016-2017

53,8%

2,8%

basso

 

 

 

21,7%

 

 

La restituzione di questi dati rappresenta una novità molto utile, in quanto permette di osservare i punteggi delle classi quinte dell’istituto conseguiti nelle prove negli ultimi tre anni. Dal grafico risulta che il nostro Istituto, in italiano, si è collocato in una situazione critica nell’anno scolastico 2012/2013 e negli anni seguenti gli esiti sono migliorati facendo registrare punteggi al di sopra della media nazionale, della Campania e del Sud. Quest’anno ha però riportato nelle prove, punteggio pari alla media della Campania e del Sud ma al di sotto della media  nazionale .

Dalla lettura del grafico, in matematica, il nostro Istituto si è collocato in una posizione critica negli anni 2012/2013 – 2013/2014 riportando, poi  sempre un punteggio al di sopra dei parametri nazionali ,della Campania e del Sud.

Così come esplicitato nel RAV che si riferisce ai dati a.s. 2013-2014

 

Effetto scuola

Dall’anno scorso l’INVALSI restituisce alle scuole il cosiddetto valore aggiunto cioè il contributo proprio che la scuola frequentata dà all’apprendimento dei suoi studenti, al netto degli altri fattori ( status sociale, motivazione, preparazione pregressa..) che incidono su di essa, ed è dunque il solo indicatore di esito che può essere preso ragionevolmente in considerazione per valutare l’efficacia di una certa scuola rispetto alle altre.

Il nostro Istituto, in italiano ha riportato un effetto scuola pari alla media regionale e della macroarea Sud e leggermente negativo a livello nazionale.

Per quanto riguarda la matematica, l’effetto scuola è pari alla media della regione Campania, della macroarea Sud e a quella nazionale.

Dalla valutazione congiunta, dell’effetto scuola e punteggio osservato, il nostro Istituto ha quindi raggiunto i seguenti esiti:

  1. italiano risultati accettabili a livello regionale e della macroarea Sud con un apporto della scuola nella media. Risultati da migliorare a livello nazionale con un apporto della scuola inadeguato.
  2. Matematica risultati accettabili a livello regionale, del Sud e nazionali con un apporto della scuola evidente.

 

Punteggio a distanza

Altri dati importanti restituiti sono i punteggi a distanza che consentono di osservare l’evoluzione degli esiti nel corso del periodo di riferimento. Quest’anno sono stati restituiti i punteggi conseguiti nelle prove di V primaria 2017 delle classi II, come erano formate nel 2014, e il punteggio conseguito nelle prove di III secondaria di primo grado del 2017 delle classi V primaria, così come erano formate nel 2014.

Da una lettura comparata è emerso che il punteggio percentuale delle risposte corrette di italiano delle classi V di quest’anno rispetto alla percentuale del punteggio conseguito dagli stessi alunni nella classe II è stata più bassa. In matematica, invece la percentuale è migliorata.

  • CLASSE II a.s. 2014  ITALIANO  68,6%        MATEMATICA  57,7%
  • CLASSE V a.s.  2017  ITALIANO  54,6%        MATEMATICA  60,4%

Il punteggio delle risposte corrette per italiano e matematica alla prova di III secondaria di primo grado di quest’anno, rispetto alla percentuale del punteggio conseguito dagli alunni che componevano la stessa classe V primaria nel 2014 si è abbassato soprattutto in matematica.

  • CLASSE V a.s. 2014  ITALIANO 60,9%             MATEMATICA  56,6%
  • CLASSE III SECONDARIA 1° a.s. 2017 ITALIANO  58,9%       MATEMATICA 40,2%

 

Conclusioni

Da una lettura critica e comparata possiamo affermare che gli esiti delle prove di matematica svolte, pongono il nostro Istituto al di sopra della media nazionale, del Sud e della Campania. In italiano gli esiti sono stati positivi rispetto ai parametri regionali e del Sud ma, si registra una posizione non del tutto positiva a livello nazionale. Anche l’effetto scuola, naturalmente, ha restituito, in italiano, risultati leggermente negativi a livello nazionale. Inoltre persiste la varianza  tra risultati delle prove Invalsi e voto di classe.

 

Ercolano 25 settembre 2017

La docente referente

Criscuolo Antonietta