Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne 2014

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro delle donne

 immagineimmagine

Il 25 novembre è stato scelto nel 1999 come Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne dall’Assemblea Generale della Nazioni Unite.
Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l'impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell'arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

 

Il 2° Circolo Didattico si impegna contro  la violenza sulle donne e contro ogni forma di violenza utilizzando come strumento quotidiano un lavoro di informazione civile che intende mettere al centro il valore dell'identità di ogni persona, la relazione tra uomini e donne, il rispetto di ogni differenza e il rispetto dell'alterità dei bambini e delle bambine da parte degli adulti e dell'ambiente in cui crescono.

LA NOSTRA SCUOLA FAVORISCE  l’alfabeto delle emozioni, l’aritmetica degli affetti, l’analisi grammaticale del rispetto.

Ci sono momenti in cui conoscenza e individualità sono massimamente plasmabili, poi le difficoltà mettono radici, i modelli si cristallizzano, gli stereotipi prendono il sopravvento.

Solidarietà, tolleranza, accettazione sono pillole da somministrare prima possibile: strumenti da maneggiare fin da bambini, per prevenire e soffocare le peggiori forme di discriminazione, per eliminare la violenza di genere, per insegnare il rispetto tra uomini e donne.

Nella scuola e nella famiglia bisogna parlare, fin da piccoli,  dei diritti delle bambine e dei bambini educando al rispetto di tutti, facendo riflettere le nuove generazioni sugli  stereotipi da eliminare perché fortemente presenti nel linguaggio comune, nei libri, nei giornali, nei programmi tv.

Tutti insieme dobbiamo mettere a sistema «le relazioni, le differenze di genere, l’educazione ai sentimenti, alle emozioni”

 La nostra scuola è impegnata dal 24 al 30 novembre per attrarre l’attenzione collettiva sulle azioni contro la violenza e  la discriminazione